Prodotti tipici ed  enogastronomia
   
Showroom
Il vino
Guida gastronomica
Ristoranti
Dove mangiare nell'Alto Belice Corleonese
Strutture ricettive
Dove dormire nell'Alto Belice Corleonese
 
 Vastedda del Belice
 
La Vastedda 
La vastedda della Valle del Belìce è un formaggio che si produce anche a Contessa Entellina e a Bisacquino. È riconosciuto come prodotto Agroalimentare Tradizionale ed è presidio Slow Food. È l’unico formaggio di latte di pecora a pasta filata.

Il prodotto
Si ottiene, mediante l’utilizzo di attrezzature “storiche”, dal latte di pecora della Valle del Belìce, con pasta d’agnello per il caglio.
È un formaggio fresco a pasta filata e bianca e si produce in forme piccole, oblunghe e piatte, dal peso che varia dal mezzo chilo al chilo. Ha sapore fresco e leggermente acidulo. Non ha crosta, ma la parte esterna del formaggio può presentare una patina color giallo paglierino chiaro.

Tipicità
La sua produzione è scandita da gesti e strumenti che provengono dalla tradizione dell’area. Si fa coagulare il latte nella tina di legno, portandolo a 36°C di temperatura, insieme con il caglio. Dopo mezz’ora, la cagliata viene rotta dalla “rotula” (uno strumento in legno) e si lascia rassodare in fascelle di giunco per circa 20 ore, così da acidificare naturalmente. Quindi, l’impasto viene tagliato a fette, filato, spremuto a mano e quindi disposto nelle “vastedde”, piatti fondi da cui la forma e il nome.

Dopo un paio d’ore di salamoia, il formaggio viene lasciato ad asciugare per 48 ore prima di essere pronto per il consumo.