Alto Belice Corleonese    




Il territorio
Mappa interattiva
I comuni
Arte e cultura
Ecoturismo
Eventi
Dove mangiare
Dove dormire

   Alto Belice Corleonese
   > Guida al territorio
   > Guida all'ospitalità
   > Guida gastronomica

   Ufficio Turistico / Showroom
   Corso Calatafimi, 152
   90129 PALERMO
   Tel. +39 091 590262

 
CAMPOFIORITO

Altitudine: 660 m slm
Distanza da Palermo: km 68
Municipio: Via Antonio Gramsci, 90 - Tel. 091 8466212
   
Dista da Palermo circa 70 km e sorge in una zona collinare dell’entroterra siciliano, a 660 m slm, che è parte delle Zone Naturalistiche a Protezione Speciale “Monte Triona”, “Monte Colomba” e “Monti Sicani”.
Il 20 ottobre del 1452 Giacomo De Playa, regio procuratore fiscale, ottenne dal re Alfonso D’Aragona lo jus aedificandi per il feudo Batticani, un documento che si rivelerà fondamentale per la nascita di Campofiorito, trecento anni dopo. Infatti, dopo una serie di eredità e passaggi di proprietà, alla metà del Settecento il principe Stefano Reggio-Saladino riesce a battere in tribunale l’opposizione delle vicine Corleone e Bisacquino proprio grazie a questo certificato, poiché all’epoca era proibito costruire un nuovo paese a meno di sette miglia da altri centri urbani. Così Stefano Reggio, nel 1768, vi avvia la costruzione del nuovo paese a metà strada tra i due feudi di Batticani e Scorciavacche il 21 marzo 1768.
 
 
In evidenza
Curiosità
Su Campofiorito si affacciano i resti di quello che è detto “castello” di Scorciavacche, ovvero l’edificio gesuitico che, per proteggere i beni della comunità religiosa, più che a un monastero somigliava a una fortezza. La sua origine è secentesca e venne abbandonato nella seconda metà del Settecento quando, su ordine del re di Spagna, i gesuiti di tutto il regno (e in tutta Europa) vennero spogliati da ogni proprietà.