Alto Belice Corleonese    




Il territorio
Mappa interattiva
I comuni
Arte e cultura
Ecoturismo
Eventi
Dove mangiare
Dove dormire

   Alto Belice Corleonese
   > Guida al territorio
   > Guida all'ospitalità
   > Guida gastronomica

   Ufficio Turistico / Showroom
   Corso Calatafimi, 152
   90129 PALERMO
   Tel. +39 091 590262

 
PALAZZA ADRIANO

Altitudine: 800 m slm
Distanza da Palermo: km 95
Municipio: Piazza Umberto I, 46 - Tel. 091 8349911
   
Praticamente a metà strada tra Palermo e Agrigento (dista 83 km dalla prima città e 88 dalla seconda), è l’ultimo dei paesi della provincia palermitana prima di entrare in quella agrigentina, e sorge a quasi 700 metri slm in un territorio compreso nelle Zone Naturalistiche a Protezione Speciale di “Monte Triona e Monte Colomba”, di “Monti Barracù, Cardelia, Pizzo Cangialosi e Gole del Torrente Corleone”, e di “Monti Sicani”. L’area comunale è compresa anche nei Siti di Interesse Comunitario di “Bosco di S. Adriano”, di “Monte Rose e Monte Pernice” e di “Monte d’Indisi, Montagna dei Cavalli, Pizzo Pontorno e Pian del Leone”.
Prima dei Vespri Siciliani, di Palazzo Adriano non risulta alcun documento. Ma è certo che fu fondamentale per la vita di questa graziosa cittadina l’arrivo di una colonia militare di albanesi che ripopolarono il sito e che vi richiamarono altre persone dello stesso gruppo etnico.

La tradizione militare trova nella costruzione del paese stesso la sua migliore traccia. Palazzo Adriano, infatti, è stato costruito a “cunei”, isolati di case con il prospetto sullo stesso lato, a cerchio su una piazza, tutte con i muri esterni laterali comunicanti, in modo tale da costruire, con i muri posteriori, vere e proprie mura difensive. Ai “cunei” si accedeva da un’unica porta, sormontata da un arco e protetta da un’edicola votiva in cui veniva raffigurata la Madonna.

Ancora oggi questa architettura urbana si trova sul colle di S. Nicola e nella piazzetta Garibaldi, ma il nucleo più completo è certamente quello di piazza Umberto I, che si stende fino al quartiere Cittadella, antico rione circondato da fiumi nella cui piazza si fabbricavano spade rinomate. Il quartiere è ancora detto dei Fabbri.

“Germoglio” di Palazzo Adriano fu il torrione federiciano (del 1230 circa) attorno al quale si sviluppò il castello, sul colle San Nicola, sopra la cittadina. I ruderi della fortificazione, oggi in via di restauro, furono palazzo reale fino ai primi anni dell’Ottocento, quando ospitava Federico IV di Borbone durante le pause tra le sue battute di caccia in zona (al castello si giunge dalla piazza Umberto I, dalla strada che si diparte dalla Madrice di rito greco, la via Skanderbeg).

Palazzo Adriano ha dato i natali a Francesco Crispi che ha sostenuto con coraggio e con forza la fase iniziale della spedizione dei Mille ed è poi diventato Primo Ministro del Regno d’Italia.
L’arco dell’Odigitria
Lungo la via Skanderbeg, che inizia proprio da Santa Maria Assunta, si incontra l’arco della Madonna Odigitria, ovvero la Madonna “che indica la via”: leggenda vuole che da questo arco e lungo questa via abbiano fatto ingresso a Palazzo Adriano i primi coloni albanesi nel XV secolo.
Un paese da Oscar
Palazzo Adriano è famosa nel mondo del cinema.Qui è stata girata la maggior parte degli esterni del film premio Oscar di Giuseppe Tornatore “Nuovo Cinema Paradiso”. Alla lavorazione e ai personaggi che hanno animato uno dei più bei film italiani degli ultimi anni è dedicata una mostra permanente di foto e manifesti.
 
   
Ristoranti
Ospitalità